Ricorso Docenti e personale Ata- Riconoscimento diritto ricostruzione integrale carriera

Ricorso Docenti e personale Ata- Riconoscimento diritto ricostruzione integrale carriera

Docenti e personale Ata- Riconoscimento diritto ricostruzione integrale carriera
Sono oramai numerose le sentenze favorevoli ai lavoratori della scuola che vedono condannato il MIUR a restituire importanti somme a titolo di arretrati che, in base agli anni di servizio pre-ruolo, variano da 15 mila euro sino ad arrivare anche a 70/80 mila euro di differenze retributive.
La tutela legale è destinata a tutto il personale della scuola di ruolo con un’anzianità pre-ruolo, e che abbia superato l’anno di formazione e il periodo di prova positivamente.
Difatti, sulla base delle recenti decisioni della Corte di Giustizia Europea e della Cassazione, il servizio pre-ruolo va calcolato interamente ai fini della progressione economica e ai fini dell’esatto inquadramento nella posizione stipendiale.
TEMPISTICA AGGIORNAMENTO RICOSTRUZIONE
La ricostruzione di carriera va aggiornata dopo il superamento del periodo di prova.
La domanda in base alla legge 107/2015 va presentato al dirigente scolastico a decorrere dal 1° settembre di ogni anno e sino al 31 dicembre.
Inoltre, per il personale già in servizio di ruolo, va presentata la nuova domanda di aggiornamento della ricostruzione di carriera al compimento del:per i docenti laureati della scuola secondaria superiore;per i DSGA, per i docenti delle scuole di infanzia e primaria, per il personale educativo, per il personale insegnante della scuola secondaria di I grado e per i docenti diplomati della scuola secondaria di II grado;per il personale ATA.

COSA DEVE FARE IL PERSONALE INTERESSATO
Tutti devono presentare la domanda al dirigente scolastico
IL CONTEGGIO PARTE DAGLI ANNI DI PRERUOLO
Per la ricostruzione di carriera, il conteggio deve partire dal primo anno di pre-ruolo (non certo dall’immissione in ruolo).
LE CONSEGUENZE
I dipendenti immessi in ruolo devono essere collocati nella fascia stipendiale spettante computando tutto il periodo di pre-ruolo ai fini della ricostruzione di carriera.
Ciò consente di conseguire l’esatto inquadramento contrattuale e una “accelerazione” della carriera economica per il raggiungimento del successivo scatto di anzianità.
Tutto ciò inoltre sarà utile ai fini del trattamento di quiescenza e del TFS/TFR.
COME CONTROLLARE
Il controllo viene effettuato attraverso il cedolino dello stipendio, tenendo conto che l’anno 2013 non è utile per la progressione economica (DPR 122/2013).
I documenti necessari per procedere con il ricorso:
Copia di un documento di riconoscimento;
Copia dell’eventuale decreto di ricostruzione di carriera consegnato dalla scuola;
Ultimi 4 cedolini di stipendio;
Copia domanda di ricostruzione di carriera;
Contratto professionale;
Dichiarazione personale contenente i seguenti dati:
Attuale sede di servizio;
Data di immissione in ruolo;
Elenco dei servizi pre –ruolo;

Per info contattare lo studio Sposito al seguente numero di cellulare : 3331039790

2021-02-11T14:42:50+02:00
WhatsApp Chatta su whatsapp